Nutrizione artificiale – Team Nutrizionale

Team Nutrizionale: nutrizione artificiale, integratori alimentari e addensanti

Premessa

La Malnutrizione

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce la malnutrizione come lo stato di alterazione funzionale, strutturale e di sviluppo dell’organismo conseguente alla discrepanza tra fabbisogni e introiti o utilizzazione dei nutrienti tali da comportare eccesso di morbilità o mortalità.

Il problema della malnutrizione in Ospedale

Secondo il più recente  vasto studio realizzato in ambito ospedaliero (Nutritional care routines in Italy: results from the PIMAI Project: IatrogenicMAlnutrition in Italystudy 2010)la prevalenza  di malnutrizione calorico proteica  si verificava nel 31% dei pz al momento del ricovero (34,3% se di età superiore a 65 anni).Ma la maggior parte dei soggetti malnutriti o a rischio di diventarlo vive sul territorio: complessivamente si stima che 1 anziano su 3 residente a domicilio o in struttura residenziale sia malnutrito o a rischio di malnutrizione.

Come incide la malnutrizione sul percorso di malattia del paziente

Gli effetti della malnutrizione si ripercuotono su ogni funzione dell’organismo, aggravando la patologia di base, determinando  un aumento della mortalità e della morbilità ospedaliera, prolungando il ricovero del paziente ed incrementando le riammissioni ospedaliere. Gli effetti della malnutrizione incidono inoltre in modo rilevante sui costi del S.S.N. per gli oneri relativi al trattamento delle complicanze e per l’aumento dei giorni di degenza(con un allungamento della degenza media del 55%). La malnutrizione è inoltre un evento morboso che attraversa trasversalmente le strutture sanitarie prima, durante e dopo la degenza ospedaliera; rimbalza quindi dall’ospedale al territorio e viceversa.

Dai dati internazionali emerge ovunque una scarsa attenzione indirizzata al suo riconoscimento ed in definitiva ad un’assenza di un trattamento nutrizionale adeguato.

È necessario pertanto identificare precocemente in ambito ospedaliero e territoriale i pazienti malnutriti o a rischio di diventarlo durante le cure mediche  e costruire un adeguato piano nutrizionale in collaborazione con i componenti del Team Nutrizionale (TN) aziendale dedicato, eventualmente con l’ attivazione di una terapia nutrizionale (Nutrizione Artificiale).

Cosa abbiamo fatto: individuazione del Team nutrizionale, costruzione del percorso

Attivazione di Team Nutrizionale Aziendale (TN): è stato costituito un Team multidisciplinare, Team Nutrizionale a valenza aziendale,  costituito da: Dr.C. Spagnuolo ( U.O. Rianimazione), Dott.ssa M. Negrati (U.O. Medicina ), Dott.ssa S. Emiliani (U.O. Geriatria), Dr. P. Turano ( Geriatria territoriale), Dr. G. Cosentino (Assistenza Primaria, Distretto di Levante), Sig. R. Sarti ( Inf. Prof. ospedaliero), Sig. A. Agosti ( Inf. Prof. territoriale), Sig.ra P. Scatola (Dietista), Sig.ra E. Braghieri (Coord. Inf. GRACER), Dott.ssa S. Caprioli (Referente Servizio Qualità) e Dott.ssa C. Cuzzoni (Rappresentante della Direzione sanitaria aziendale). Referente del TN è la Dott.ssa S.Radici (U.O Farmacia territoriale).

Il lavoro svolto ha portato alla costruzione di un percorso in modo da garantire:

l’identificazione dei pazienti a rischio di Malnutrizione: (sia ricoverati che ambulatoriali o in struttura) attraverso una scala specifica (per l’ospedale/strutture è stato scelto il MUST: Malnutrition Universal Screening Tool) da parte degli operatori sanitari coinvolti nella cura del paziente (scala da riportare correttamente compilata all’interno della cartella clinica/ambulatoriale). Il monitoraggio degli introiti dei pazienti ricoverati dovrà essere misurato, dove ritenuto necessario, con apposita scheda (Scheda dell’intake nutrizionale quotidiana).

la condivisione di un piano nutrizionale adeguato con l’ausilio di linee guida, il monitoraggio della NA e delle sue complicanze,  la presa in carico del paziente fragile in nutrizione artificiale in caso di variazione delle condizioni cliniche, la collaborazione con altri professionisti e con il MMG (in particolare assicurando la continuità delle cure tra ospedale e territorio).

la adeguata prescrizione degli  integratori orali: a partire dal mese di aprile 2015 gli integratori orali potranno essere prescritti dal medico curante sia in dimissione da ospedale che da DH-Day service/cliniche/strutture ed al domicilio con compilazione di apposito modulo (Modulo Integratori) per un periodo massimo di 30 gg. Successivamente, se persistono le indicazioni cliniche a proseguire con integratori, il medico curante dovrà inviare il modulo compilato al TN per la valutazione del caso.

A partire dal 13 Aprile  2015 sarà attivo l’ambulatorio e l’attività di consulenza del Team che svolgerà le seguenti funzioni:

Consulenza per i pz con malnutrizione  e  per cui si ha necessità di concordare un piano nutrizionale e/o una nutrizione artificiale durante la degenza / domicilio /struttura (richiesta tramite Galileo se in ospedale; richiesta via telefono/fax di modulo NAD se pz sul territorio)

Attivazione di Nutrizione Artificiale alla dimissione ospedaliera (sia Enterale che Parenterale) anche per i pz dimessi presso strutture/ cliniche e Prescrizione integratori orali dopo 30 gg dalla prima prescrizione ospedaliera; Attivazione di Nutrizione  Artificiale e Prescrizione di Integratori orali di pz in struttura o a domicilio (ADI) come da flow-chart allegata.

Monitoraggio del pz dimesso con presa in carico fino al termine della nutrizione artificiale stessa in collaborazione con i medici di struttura o i MMG a domicilio.

Il gruppo multidisciplinare del Team lavorerà inoltre sulla costruzione di Linee guida aziendali sia per la Nutrizione Artificiale Enterale che per la Nutrizione Artificiale Parenterale e sulla Organizzazione di corsi di addestramento/perfezionamento sulla NA per il personale dei servizi ospedalieri e territoriali, attività che saranno oggetto di successive condivisioni.

La sede dell’attività del TN è all’interno della palazzina 1 (ingresso A), 2° piano, (ambulatorio Team Nutrizionale) e sarà così articolata:

  • Attività di consulenza medica ambulatoriale : lunedì, mercoledì, venerdì dalle 10 alle 13.
  • Attività di consulenza telefonica: dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13 n°telefono 0523/302180, n°Fax: 0523/302182

Per le Urgenze sarà attivo un numero verde dedicato come specificato nell’allegato.

COME PRESCRIVERE UN INTEGRATORE ALIMENTARE

Per i pazienti in dimissione da ricovero, il medico dimettente prescrive per un massimo di 30 giorni gli integratori sulla lettera di dimissione, con cui paziente/familiare provvede al ritiro al punto distribuzione diretta dei farmaci. 
Dopo tale prima fornitura, è necessaria una rivalutazione del paziente da parte del medico curante.
Per i pazienti affetti da SLA esiste un percorso dedicato con riferimento alla U.O. di Neurologia.

Per i pazienti in regime ambulatoriale o a domicilio/struttura, per valutare la reale necessità di somministrazione di un integratore alimentare, è possibile utilizzare il “QUESTIONARIO-GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL’INTEGRATORE” disponibile qui sotto in cui viene preso in considerazione lo stato nutrizionale del paziente, il rischio connesso di malnutrizione e fornisce indicazione sulla necessità di prescrizione o meno di un integratore.
Una volta stabilito che il paziente ha bisogno di un’integrazione nutrizionale è possibile fare la prima prescrizione per 30 giorni seguendo le indicazioni sottostanti:

  1. Compilare il “MODULO PRESCRIZIONE INTEGRATORI ALIMENTARI A DOMICILIO ED IN STRUTTURA” disponibile qui sotto
  2. Compilare in ogni sua parte il modulo indicando DIAGNOSI PER CUI SI RICHIEDE L’INTEGRATORE e LE PATOLOGIE ASSOCIATE specialmente se rilevanti dal punto di vista della scelta dell’integratore (Es: Diabete, IRC, DISFAGIA, ecc)
  3. Il medico curante provvede anche alla prescrizione necessaria per l’invio del paziente alla valutazione dell’U.O.DI NUTRIZIONE CLINICA oppure del SERVIZIO DIETETICO   AZIENDALE secondo le sue caratteristiche cliniche (vedi tabella sottostante), nel caso in cui il paziente avesse bisogno di proseguire l’integrazione oltre i 30 giorni
  4. Consegnare tali prescrizioni, insieme alla stampa del questionario compilato, al paziente il quale si dovrà recare al punto distribuzione diretta dei farmaci c/o la Farmacia ospedaliera all’interno dell’ospedale per il ritiro degli integratori
  5. e dopo i suddetti 30 giorni si ritenesse necessario far proseguire l’integrazione, è necessario fissare l’appuntamento secondo quanto già prescritto dal medico curante, per la valutazione specialistica

Per Pazienti affetti

  • da patologia oncologica,
  • malattie Infiammatorie Croniche Intestinali,
  • disturbi del comportamento alimentare
  • disfagia

Il medico curante prescrive “VISITA DIETOLOGICA PER INTEGRATORE”

Contatto telefonico diretto o da parte del paziente c/o Unità Clinica di Nutrizione 0523 302476 per fissare l’appuntamento 

Per pazienti con difficoltà ad alimentarsi adeguatamente che necessitano di un supporto nutrizionale alla normale alimentazione per OS insieme ad uno schema dietetico

Il medico curante prescrive “ELABORAZIONE PROGRAMMA NUTRIZIONALE”

Contatto diretto o da parte del paziente c/o al numero  (0523 302180 presso Team nutrizionale) per fissare appuntamento con il  Servizio Dietetico Aziendale

Questa pagina è stata modificata il: 13/12/2016

Azienda USL di Piacenza - via Antonio Anguissola 15. Codice fiscale: 91002500337
Azienda Unità Sanitaria Locale - Piacenza
Via Antonio Anguissola,15 - 29121 Piacenza
Codice Fiscale: 91002500337