Coronavirus, la situazione a Piacenza

Inserita in data 14/10/2020

Attenzione, il contenuto di questa notizia potrebbe non essere più attuale.
Puoi visualizzare le ultime news sulla Home Page del sito oppure effettuare una ricerca con il motore di ricerca interno
  Nuovi casi positivi più che raddoppiati, interventi delle Usca nelle case per persone sintomatiche in netto aumento, tamponi passati da 5 mila a 7.500. I segnali sono chiari, la curva epidemica sale. Sono questa alcune delle informazioni sulla situazione locale rese note stamattina dal direttore generale dell’Ausl di Piacenza Luca Baldino durante l’ormai tradizionale incontro con i media. Tutti gli indicatori – ha spiegato – sono in netta crescita. Qui i dettagli forniti: https://bit.ly/3iYeTPV I ricoveri aumentano: oggi ci sono 42 i pazienti in ospedale affetti da coronavirus. Uno di questi, 55 anni, è ricoverato in Terapia intensiva ma non è in gravi condizioni, né in pericolo di vita. Tre sono le persone attualmente sotto ossigeno, con i caschi ad alto flusso. “Gli ospedali sono pronti – ha detto Baldino – e non ci sono criticità. Siamo in grado di accogliere numeri molto più alti ma i numeri di questa settimana sono un segnale chiaro: c’è un incremento significativo di presenza del virus, come nel resto del Paese. L’attenzione deve restare massima”. Nell’ultima settimana, dal 5 all’11 ottobre, i casi positivi sono passati da 98 a 237. Il rapporto tra numero di tamponi fatti e nuove diagnosi è di 3,1% (era 2,1% la settimana precedente. Le Unità speciali di continuità assistenziale (USCA) attivate dai medici di famiglia per i casi sintomatici da valutare al domicilio passano da una media di 150 interventi alla settimana a 336. “L’attività di sorveglianza dell’azienda – ha proseguito Baldino - sta funzionando in maniera importante per quanto riguarda tamponi e contatti di positivi”. Le persone attualmente poste in isolamento o quarantena salgono da 1063 a 1704. Per quanto riguarda le scuole, dall’inizio dell’anno sono 59 i casi positivi che riguardano studenti o personale, per un totale di 36 istituti e 51 classi coinvolte. Tra bambini, ragazzi, docenti e non, complessivamente ci sono 338 persone in quarantena. Chi non può fare la quarantena a casa propria perché rischia di contagiare altri, viene ospitato in centri appositi allestiti dalla Ausl. Già operativi sono Cortemaggiore (nella Casa della Salute, dove attualmente sono presenti 7 persone) e San Polo (19 ospiti). Baldino ha annunciato che si sta lavorando per mettere a disposizione una terza struttura a Calendasco (ex Sereni Orizzonti). Il direttore generale ha annunciato che l’Azienda sta valutando anche la possibilità di interrompere, per ragioni di sicurezza, le visite in ospedale dei familiari. In giornata la direzione strategica dovrebbe definire i dettagli del provvedimento, che saranno resi noti attraverso queste pagine appena possibile. Analogamente, riguardo alle strutture residenziali per gli anziani, il direttore ha anticipato “che invierà una lettera a tutte le realtà presenti sul territorio di Piacenza, invitando a sospendere ugualmente, fino al 31 ottobre, le visite dei parenti dei degenti. La responsabilità della decisione è comunque dei gestori, ha chiarito.
Azienda USL di Piacenza - via Antonio Anguissola 15. Codice fiscale: 91002500337
Azienda Unità Sanitaria Locale - Piacenza
Via Antonio Anguissola,15 - 29121 Piacenza
Codice Fiscale: 91002500337
Ministero della Salute: 080101