IL DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA – EMATOLOGIA

http://www.laforzaeilsorriso.it/img/piac_big1.jpgIl Dipartimento di Oncologia-Ematologia dell’Azienda USL di Piacenza è costituito dalle seguenti Unità Operative (U.O.): Oncologia, Ematologia e Centro Trapianti, Radioterapia, Rete Cure Palliative, Anatomia Patologica e Malattie Infettive.

Il Dipartimento è il punto di riferimento non solo per Piacenza e provincia, ma anche per altre realtà, per la prevenzione, la diagnosi e la cura dei tumori e delle malattie ematologiche, attraverso lo sviluppo della ricerca clinica, dell’innovazione organizzativa e gestionale, in un contesto di costante attenzione alla cura globale della persona e alla qualità del servizio erogato.

Mission e Vision del dipartimento Onco-Ematologico:

La mission del Dipartimento di Oncologia-Ematologia è stata “incentrata sul paziente onco-ematologico” tuttavia si è arricchita di nuovi significati; la vision è stata implementata grazie all’ingresso nel Dipartimento della U.O.S.D. Cure Palliative/rete cure palliative e, più recentemente (nel corso dell’anno 2014), si deve modificare, per l’ingresso di due nuove UO: Malattie Infettive ed Anatomia Patologica. Si propone quindi quanto segue:

Mission

Il Dipartimento di Oncologia-Ematologia vuole essere il punto di riferimento per Piacenza, provincia e zone limitrofe per i pazienti ed i loro familiari, raggiungendo l’eccellenza nel campo della prevenzione, della diagnosi e della cura dei tumori solidi ed ematologici attraverso lo sviluppo della ricerca clinico-scientifica, l’innovazione organizzativa e gestionale, in un contesto di costante attenzione alla cura globale della persona e alla qualità del servizio erogato. Il Dipartimento si propone anche di offrire l’eccellenza nella diagnosi e cura delle malattie infettive e, non da ultimo, di assicurare l’appropriatezza diagnostica e la continua innovazione in campo anatomo-patologico e biomolecolare. Il Dipartimento, inoltre, garantisce attraverso la rete delle cure palliative la presa in carico dei pazienti onco-ematologici e non, nelle diverse fasi di malattia.

Vision

Per raggiungere quanto sopra esposto, il Dipartimento, attraverso le proprie articolazioni, garantisce i seguenti punti:

  • Assicurare un adeguato iter diagnostico e terapeutico per i pazienti oncologici, ematologici e per pazienti affetti da malattie infettive, basato sull’EBM (Evidence Based Medicine) in tutte le fasi della malattia:
    • Garantire un’attività diagnostica moderna e di alto livello, dal punto di vista anatomo-patologico, bio-molecolare e clinico e la corretta individuazione delle diagnosi differenziali
    • Per tale garanzia è di fondamentale importanza una adeguata e codificata comunicazione fra le UO e fra i professionisti del Dipartimento e dell’Azienda.
    • Garantire il trattamento con terapie antiblastiche, mediche e radianti dei pazienti oncologici ed ematologici, sempre basandosi sull’EBM, nell’ottica della multidisciplinarietà e della corretta individuazione e gestione delle interfacce strategiche per l’implementazione dei percorsi clinico-assistenziali.
    • Garantire adeguate e precoci terapie di supporto nel rispetto della “simultaneous care” ed una stretta e precoce integrazione con le cure palliative, nell’ottica dell’early palliative care
    • Offrire un’alta specializzazione nella prevenzione, diagnosi e trattamento delle principali complicanze infettive nel malato onco-ematologico e di tutte le patologie infettive, in particolare quelle di grande impatto sociale come HIV e epatite C e B.
    • Garantire un adeguato ed appropriato utilizzo degli antibiotici nell’intera ASL di Piacenza.
    • Garantire una corretta e tempestiva gestione delle urgenze onco-ematologiche, delle complicanze internistiche e delle infezioni intercorrenti anche severe
    • Garantire un’ attività di trapianto autologo e allogenico di alto livello in linea con gli standard di accreditamento Nazionale ed Internazionale
    • Tutte le funzioni sopra riportate attuate secondo programmi Regionali e di Area Vasta
  • Assicurare il miglioramento continuo dell'attività clinico-assistenziale con particolare attenzione alla qualità di vita del paziente, considerando prioritario non solo il benessere fisico ma anche quello psico-sociale, attraverso la terapia di supporto, riabilitativa e palliativa;
  • Consolidare ed implementare la rete territoriale onco-ematologica per facilitare la continuità clinico-assistenziale dall’ospedale al territorio e la vicinanza al paziente;
  • Consolidare ed implementare la rete di cure palliative per garantire la continuità clinico/assistenziale ospedale, hospice e domicilio
  • Sviluppare una rete territoriale di prevenzione e cura delle principali malattie infettive;
  • Assicurare l’informazione e l’educazione alla prevenzione e alla diagnosi precoce di malattia coinvolgendo la popolazione su specifici aspetti attraverso incontri pubblici in collaborazione con le associazioni di volontariato;
  • Implementare l’attività di ricerca conducendo sperimentazioni cliniche finalizzate a offrire cure innovative e trattamenti migliori ai pazienti partecipando a protocolli locali, nazionali e internazionali implementando il ruolo dell’infermiere di ricerca
  • Garantire lo sviluppo e il continuo aggiornamento delle tecnologie, tecniche e metodiche utilizzate, nell’ottica del miglioramento continuo per accrescere le capacità dell’organizzazione e dei professionisti;
  • Favorire  la presenza delle attività di volontariato rivolte al paziente e alla famiglia per garantire loro il supporto psicologico/etnico/religioso in tutte le fasi della malattia;
  • Presidiare la formazione continua degli operatori finalizzata all’acquisizione di competenze tecniche e relazionali per mantenere un elevato livello qualitativo del servizio offerto.