U.O. Oncologia

PRESENTAZIONE

L’Unità Operativa di Oncologia (U.O.) effettua attività di degenza ordinaria, di day hospital  (DH) e ambulatoriale.

Reparto di degenza: è costituito da 19 posti letto più tre letti per l’emergenza; la struttura ha sede nel nucleo antico e prevede camere singole, doppie e triple. Tutte le camere sono dotate di bagno, aria condizionata e televisori al plasma. In degenza vengono mediamente ricoverati circa 1200 pazienti all’anno.

Day Hospital: ha sede nel nucleo antico dell’ospedale ed è attrezzato con 10 letti e numerose poltrone per l’esecuzione sia di manovre diagnostiche che di chemioterapie, immunoterapie e terapie di supporto. Sono presenti un servizio di accettazione/segreteria, otto ambulatori di cui uno dedicato al supporto psicologico e un locale dedicato al primo contatto con il paziente oncologico definito “Punto informativo e di supporto” (PIS), utilizzato appunto per fornire ai pazienti anche materiale informativo e di un supporto alla malattia oncologica. I pazienti in attesa di visita o terapia hanno a disposizione una confortevole sala d’attesa, confortati dai volontari dell’Associazione Piacentina del Malato Oncologico (AMOP). In DH vengono mediamente eseguiti 1600 ricoveri all’anno.

Attività ambulatoriale: articolata su 7 ambulatori, comprende la prima visita (CUP e CSA ed autogestita) e le visite di follow up e viene svolta in locali situati nel DH. Ambulatorio ecografico: in esso vengono attivati percorsi diagnostici (ecografie toraciche, addominali, tessuti molli ecografie con doppler venosi) e interventistici (posizionamento cateteri venosi centrali, paracentesi e toracentesi, biopsie ecoguidate sia di organi superficiali che profondi). In ambulatorio vengono eseguite circa 7000 visite all’anno

Presso la U.O. di Oncologia vengono diagnosticate e trattate tutte le patologie oncologiche di maggiore impatto; i pazienti affetti tumori rari vengono gestiti in collaborazione con la Rete Nazionale dei Tumori Rari. (https://eonc.istitutotumori.mi.it/RTR/).

L’U.O. di Oncologia di Piacenza è il Centro del sistema di Rete Oncologica Provinciale con i day hospital medico-oncologici degli ospedali di Bobbio, Castel San Giovanni e Fiorenzuola (vedi cartina).

L’U.O. di Oncologia è sede d’insegnamento per il diploma universitario di Scienze Infermieristiche dell’ Università di Parma.

L’U.O. di Oncologia è sede d’insegnamento per la specializzazione in Oncologia convenzionata con l’Università di Parma.

Inoltre, seguendo le moderne concezioni della gestione del paziente oncologico, l’U.O. ha introdotto il programma della “Simultaneous Care” che consiste nell’inserimento precoce (all’interno del percorso diagnostico-terapeutico del paziente) delle cure di supporto, palliative, di riabilitazione e psicologiche. Tutto questo non solo favorisce una migliore accettazione delle terapie anticancro, ma anticipando i possibili effetti collaterali della malattia e del trattamento, si permettono un più rapido recupero funzionale ed un più precoce ritorno del malato alla vita attiva famigliare e sociale.

Nel settembre 2008, il centro è stato riconosciuto dall’ ESMO (European Society for Medical Oncology) come centro di eccellenza per l’Oncologia e le Cure Palliative ed è stato accreditato dall’ESMO stessa per tale attività per gli anni 2009-2011 e rinnovato per gli anni 2011-2013. Tale accreditamento è rinnovabile.

Il Centro Oncologico di Piacenza è stato nominato dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) nel gennaio 2009, membro della TASK FORCE Nazionale “oncologia e cure palliative”.

I medici, di reparti diversi, nell’area di Piacenza, si incontrano periodicamente per definire insieme la migliore cura per il malato: incontri multidisciplinari

Nella Medicina, in generale, e più in particolare nel campo dell’Oncologia, sta acquistando molta importanza il concetto di multidisciplinarietà/interdisciplinarietà. Infatti le cure tradizionali dei pazienti affetti da tumore sono: la chirurgia, la radioterapia, le cure farmacologiche.  Oggi infatti è sempre più difficile curare un paziente affetto da una determinata patologia, in modo particolare un tumore,  da parte di un singolo specialista, senza avvalersi della collaborazione con professionisti appartenenti a specialità diverse, che si occupano tutte, da un’angolazione diversa, di quella medesima patologia. In questo modo ogni professionista da un apporto comprensivo delle sue competenze ed esperienza, con un notevole miglioramento per la cura del paziente, che viene così preso in carico nella sua globalità.

Per questo motivo, da circa un anno, nell’Unità Operativa di Oncologia si tiene, con frequenza settimanale, un incontro multidisciplinare con i colleghi dell’Unità Operativa di Chirurgia, in cui si discute insieme di  casi clinici e di tematiche scientifiche (nuove terapie, nuove modalità di interventi chirurgici o nuove indicazioni ad essi, relazioni da convegni…) ed organizzative. Tra i chirurghi che più spesso partecipano agli incontri, ricordiamo il Primario, Dott. Capelli, ed i Dott. Delfanti, Banchini e Baldini. Questo rappresenta un grosso passo avanti per i pazienti: molti di loro, infatti, devono sottoporsi a terapie sia oncologiche che chirurgiche, ed il fatto di discutere i casi insieme dall’inizio rende più efficace la presa in carico del paziente stesso, e fa sì che ogni specialista coinvolto possa mettere a disposizione la propria professionalità fin dall’inizio della cura della malattia.

Per lo studio e la cura dei tumori principali (mammella, colon-retto e polmone), poi, si stanno costruendo dei percorsi dedicati, che coinvolgono tutti gli specialisti coinvolti nella cura di quella specifica patologia: oncologi, patologi, chirurghi, radiologi, medici nucleari, radioterapisti, gastroenterologi per i tumori del colon-retto, pneumologi per quelli del polmone, senza dimenticare i medici della riabilitazione, della palli azione e la figura dello psicologo.

Il percorso riguardante il tumore della mammella è quello in fase più avanzata di costruzione, e la sua responsabile è la Dott.ssa Elisa Anselmi, appartenente all’Unità Operativa di Oncologia. Si tengono incontri a cadenza settimanale fra i vari specialisti, dove vengono discussi i casi clinici di tutte le nuove pazienti affette da neoplasia mammaria, sia in fase pre-operatoria che post-operatoria, ci si tiene aggiornati da un punto di vista scientifico e si discutono e definiscono gli aspetti organizzativi e di ricerca. La paziente viene proprio presa in carico nella sua globalità, all’interno del percorso: ogni Unità Operativa svolge il suo compito, ed il passaggio da una fase del percorso alla successiva è automatico ed organizzato dagli operatori all’interno del percorso stesso.

Il percorso riguardante il tumore del polmone, che ha come responsabile la Dott.ssa Elena Zaffignani, appartenente all’Unità Operativa di Oncologia, e quello riguardante i tumori del colon-retto, la cui responsabile è la Dott.ssa Mariangela Palladino, appartenente all’Unità Operativa di Oncologia, sono anch’essi in fase di costruzione e prevedono incontri settimanali, con l’obiettivo di discutere casi clinici, di approfondire aspetti scientifici e di definire gli aspetti organizzativi, e di ricerca.

ARTICOLAZIONE DEL REPARTO

Direttore
Dr. Luigi Cavanna (telefono: 0523/302697 - email: l.cavanna@ausl.pc.it)

Personale medico:
Dr. Ambroggi Massimo
Dr.ssa Anselmi Elisa
Dr.ssa Biasini Claudia
Dr.ssa Bidin Livia
Dr.ssa Mordenti Patrizia
Dr.ssa Orlandi Elena
Dr.ssa Palladino Maria Angela
Dr.ssa Porzio Rosa
Dr.ssa Proietto Manuela
Dr.ssa Stroppa Elisa Maria
Dr.ssa Zaffignani Elena

Servizio di psicologia
Dr.ssa Michela Monfredo, Dr.ssa Laura Dallanegra

Coordinatore assistenziale di Dipartimento
Sig.ra Maria Rosa Cordani

Coordinatori infermieristici
Sig. Gabriele Cremona (DH), Sig.ra Monica Muroni (Degenza)

Rete cure palliative
Dr.ssa Raffaella Bertè, Dr.ssa Monica Bosco, Davide Cassinelli - Case Manager Rete Cure Palliative

Rete onco-ematologica territoriale
Dr.ssa Patrizia Mordenti, Dr.ssa Costanza Bosi, Dr. Carlo Filippo Moroni

Data manager
Dr.ssa Camilla Di Nunzio

Recapiti utili

Accoglienza e accettazione day hospital
telefono 0523/302254-302385; fax 0523/302295. 

L’attività clinica del Day Hospital si svolge tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 16.30. In caso di necessità, quando il day hospital è chiuso, è possibile rivolgersi al reparto di degenza 24 ore su 24.

Accettazione degenza
telefono 0523/302712; fax 0523/302711