Home / Screening / Screening Epatite C

Screening Epatite C

Perché è così importante fare lo screening dell'epatite C

L’epatite C è un'infezione pericolosa

Molte persone infettate sviluppano una malattia epatica cronica, che può evolvere in forme molto gravi e progressive che vanno dalla cirrosi al cancro al fegato.

Lo screening è l’unico modo per individuarla

La maggior parte delle persone con epatite C cronica non presenta alcun sintomo o presenta solo sintomi generali come stanchezza cronica e depressione.

Esiste un'efficace terapia antivirale

La terapia disponibile da alcuni anni è semplice da assumere, sicura ed estremamente efficace. Circa il 95% delle persone trattate guarisce completamente eliminando l’infezione.

Non esiste attualmente un vaccino

L’adozione di misure igieniche volte a evitare il contatto con sangue contaminato è l’unica forma di prevenzione disponibile contro l'epatite C.

Aderire allo screening a Piacenza

Se sei nato tra il 1969 e il 1989, lo screening è gratuito e non serve la ricetta medica

Per fare il test gratuito è sufficiente un prelievo del sangue.
In attesa dell’avvio a pieno regime della campagna, a Piacenza le persone nate dal 1969 al 1989 (residenti o domiciliate) che hanno già prenotato esami ematici al Centro Prelievi del Laboratorio Analisi di Piacenza sono invitate, tramite SMS, a sottoporsi allo screening.
Il test si esegue quindi insieme agli esami già programmati, senza dover fare un ulteriore prelievo.
L’esito è comunicato dopo almeno 30 giorni all’indirizzo di residenza o domicilio fornito dall’utente in sede di prenotazione.
Gli operatori dell’Azienda potranno contattare la persona al numero di telefono indicato in fase di prenotazione per visita medica ed eventuali approfondimenti.

In caso di mancato recapito o richiesta di diversa modalità di ricezione del referto può scrivere all’indirizzo mail dedicato screeningepatitec@ausl.pc.it

Per approfondire

L'epatite C è una malattia infiammatoria del fegato causata dal virus dell'epatite C (HCV, acronimo dell’inglese Hepatitis C Virus) che, in tutto il mondo, rappresenta una delle principali cause dello sviluppo di malattie croniche del fegato come, per esempio, l'epatite cronica, la cirrosi epatica e il cancro del fegato.

L’epatite C è un'infezione che si trasmette principalmente attraverso il sangue e molto meno frequentemente per via sessuale. I principali mezzi di contagio di sangue infetto sono aghi e siringhe riutilizzate e vari strumenti contaminati dal virus, con cui sono stati praticati piercing, tatuaggi, agopuntura o interventi odontoiatrici negli anni in cui non si prestava ancora particolare attenzione alla corretta sterilizzazione delle apparecchiature.

L'infezione acuta da HCV (quella conseguente al primo incontro con il virus) è molto spesso di lieve entità e non causa disturbi (sintomi) ma tende a persistere nell'organismo, diventando cronica nel 50-80% delle persone infettate. I sintomi, infatti, possono manifestarsi dopo diversi anni dal contagio a causa dello sviluppo di una malattia epatica cronica o di altre complicazioni in altri organi (manifestazioni extraepatiche dell’epatite C).

Sì, oggi si può guarire dall’epatite C. La cura dell'epatite C ha fatto notevoli progressi negli ultimi anni grazie all'introduzione di nuove terapie. Esistono infatti farmaci innovativi che permettono la guarigione in più del 95% dei pazienti; inoltre nuovi farmaci in arrivo presentano percentuali di successo terapeutico sempre più vicine al 100%.

Lo screening serve per poter effettuare una diagnosi precoce ed intervenire tempestivamente contro questa infezione con una terapia efficace, in modo da sconfiggere la malattia ancor prima della comparsa dei sintomi.

Ultimo aggiornamento: 07/04/2022

Azienda USL di Piacenza - via Antonio Anguissola 15. Codice fiscale: 91002500337
Azienda Unità Sanitaria Locale - Piacenza
Via Antonio Anguissola,15 - 29121 Piacenza
Codice Fiscale: 91002500337
Ministero della Salute: 080101