Il Fiocchetto Lilla

15 marzo 2018 - VII Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla

Il Fiocchetto Lilla ha origine in America e rappresenta da più di 30 anni la lotta  contro i Disturbi del Comportamento Alimentare.
In Italia sono circa 3 milioni i giovani che soffrono di disturbi del comportamento alimentare: il 95,9% sono donne, il 4,1% uomini. L’ossessione del cibo, del peso e dell’immagine corporea colpisce sempre con più frequenza portando l’età d’esordio anche tra bambini e pre-adolescenti. Sono quattro i principali problemi: l’anoressia nervosa, la bulimia, il binge eating (disturbo da alimentazione incontrollata) e altre forme come disturbi sottosoglia, forme ibride ed Ednos (disturbi alimentari non altrimenti specificati o disturbi del comportamento alimentare-Nas). 

Nessuno è immune. Questi malesseri dell’anima sono profondi, si insinuano nella vita di adolescenti, giovani donne e uomini, che individuano nel cibo il nemico-amico complice pericoloso: malesseri, del quale si parla poco o in modo confuso e impreciso. Così per sensibilizzare, far conoscere, capire e parlare delle problematiche legate a queste malattie da sette anni è stata istituita la “Giornata del fiocchetto Lilla contro i disturbi alimentari”. Si svolge il 15 marzo e coinvolge in tutta Italia associazioni, istituzioni e scuole con iniziative e incontri.

Anche l’Azienda USl e l’Associazione ONLUS Puntoeacapo partecipano alla giornata con due iniziative: giovedi 15 marzo ,nell’ospedale di Piacenza,  ambulatori dei Disturbi Comportamenti Alimentari aperti dalle 9 alle 17 per visite gratuite e informazioni; sabato 17 marzo, nell’auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano, alle 15,30, presentazione del libro di Maria Gabriella Gentile “Uscire dal tunnel dell’Anoressia Nervosa”.

Inoltre il team ospedaliero dedicato ai Disturbi del Comportamento Alimentare in Età Evolutiva  di Pediatria e Neonatologia, costituito da Giacomo Biasucci (Pediatra Nutrizionista), Giulia Bensi (Psicologa Età Evolutiva- Psicologa Clinica Pediatrica), Angela Pozzoli (Dietista), Barbara Cavalli (Coordinatore Infermieristico), oltre alle Infermiere professionali ed OSS formate appositamente sulla gestione terapeutica di tali Disturbi, è disponibile per informazioni, consulenze e visite gratuite dalle 9 alle 13 nell’Ambulatorio DCA del Reparto.

Il Fiocchetto Lilla si fa portatore di una testimonianza di speranza, della possibilità di sconfiggere queste patologie e di restituire fiducia a chi ogni giorno lotta contro questo male subdolo. 

La testimonianza di Giulia

 “Io ricordo tutto: il dolore, le lacrime, il freddo sulla pelle, i muscoli deboli, la stanchezza. Ma anche la soddisfazione paradossale che quel male mi suscitava, i numerosi modi per sabotare la mia esistenza, le bugie, le finte vittorie.

É tutto vivido nella mia mente.

Vivido come il giorno che ho detto basta, che ho deciso di amarmi un po' di più e di lottare per risalire la vetta. Ricordo ogni tappa del mio cammino, ogni ostacolo abbattuto, ogni traguardo raggiunto. Ricordo me stessa all'inizio e mi abbraccio sul finale.

Io non sono rinata, io mi sono trasformata ed ho mutato il mio essere; sono cresciuta, maturata e migliorata. Ed Il mio passato resta lì, in un cassetto. Non si vede, ma c'é. Non è morto, né annullato, né rinnegato. Fa parte di me e mi accompagna silenzioso. Silenzioso, perché ho avuto la forza di zittirlo e di convincerlo a rispettare una certa distanza di sicurezza. Rimane lì, irremovibile, ma io scelgo ogni giorno di non sceglierlo. A volte riaffiora, eppure decido di sfruttarlo miseramente per capire di essere cambiata. Non mi spaventa più, se intende manifestarsi é libero di farlo: io sono qui e lo affronto.”

Questa pagina è stata modificata il: 14/03/2018

Azienda USL di Piacenza - via Antonio Anguissola 15. Codice fiscale: 91002500337
Azienda Unità Sanitaria Locale - Piacenza
Via Antonio Anguissola,15 - 29121 Piacenza
Codice Fiscale: 91002500337