Salta al contenuto

Tipologia di prestazione

Screening

Introduzione

Cos'è l'epatite C?
L'epatite C è una malattia infiammatoria del fegato causata dal virus dell'epatite C (HCV, acronimo dell’inglese Hepatitis C Virus) che, in tutto il mondo, rappresenta una delle principali cause dello sviluppo di malattie croniche del fegato come, per esempio, l'epatite cronica, la cirrosi epatica e il cancro del fegato.

Lo screening è l’unico modo per individuarla

La maggior parte delle persone con epatite C cronica non presenta alcun sintomo o presenta solo sintomi generali come stanchezza cronica e depressione.

Come si trasmette?
L'epatite C è un'infezione che si trasmette principalmente attraverso il sangue e molto meno frequentemente per via sessuale. I principali mezzi di contagio di sangue infetto sono aghi e siringhe riutilizzate e vari strumenti contaminati dal virus, con cui sono stati praticati piercing, tatuaggi, agopuntura o interventi odontoiatrici negli anni in cui non si prestava ancora particolare attenzione alla corretta sterilizzazione delle apparecchiature.

Come si manifestano i sintomi?
L'infezione acuta da HCV (quella conseguente al primo incontro con il virus) è molto spesso di lieve entità e non causa disturbi (sintomi) ma tende a persistere nell'organismo, diventando cronica nel 50-80% delle persone infettate. I sintomi, infatti, possono manifestarsi dopo diversi anni dal contagio a causa dello sviluppo di una malattia epatica cronica o di altre complicazioni in altri organi (manifestazioni extraepatiche dell’epatite C).
Si può guarire?
Sì, oggi si può guarire dall’epatite C. La cura dell'epatite C ha fatto notevoli progressi negli ultimi anni grazie all'introduzione di nuove terapie. Esistono infatti farmaci innovativi che permettono la guarigione in più del 95% dei pazienti; inoltre nuovi farmaci in arrivo presentano percentuali di successo terapeutico sempre più vicine al 100%.

A chi si rivolge

Alle persone nate tra il 1969 e il 1989. Lo screening è gratuito e non serve la ricetta medica.

Per fare il test è sufficiente un prelievo del sangue.

Le persone nate dal 1969 al 1989 (residenti o domiciliate) possono prenotare il test attraverso gli sportelli Cup aziendali del territorio o chiamando il numero di prenotazione gratuito 800.651.941

Accedere alla prestazione

Come si fa

Per fare il test gratuito è sufficiente un prelievo del sangue.

I test si effettuano al:

Laboratorio analisi di Bobbio, via Garibaldi 3, dal lunedì al venerdì dalle 7.30 – 9 (solo su prenotazione anche in tutte le farmacie della provincia)
Laboratorio analisi di Castel San Giovanni, viale 2 Giugno, dal lunedì al sabato su prenotazione dalle 7.30 alle 8.30 oppure con accesso diretto dalle 8.30 alle 10.30
Laboratorio analisi di Fiorenzuola, via Roma (ex Macello), dal lunedì al sabato su prenotazione dalle 7.30 alle 8.30 oppure con accesso diretto dalle 8.30 alle 10.30
Laboratorio analisi di  Piacenza, via  Taverna 49, dal lunedì al sabato su prenotazione dalle 7.30 alle 8.30 oppure con accesso diretto dalle 8.30 alle 10.30

Insieme al test di verifica dell’epatite C è possibile eseguire anche altri esami del sangue già programmati senza ulteriori prelievi.

Cosa si ottiene

Un referto medico

Come ottenere l'esito

La refertazione del test di screening ha uno specifico iter: l’esito sarà disponibile sul fascicolo sanitario elettronico 30 giorni dopo il prelievo del sangue; il risultato dello screening può essere richiesto dal cittadino anche in un’altra modalità, scrivendo all’indirizzo mail dedicato screeningepatitec@ausl.pc.it

Cosa serve

Per aderire allo screening non occorre la ricetta medica

Ulteriori informazioni

Oggi dall’epatite C si può guarire. La cura dell'epatite C ha fatto notevoli progressi negli ultimi anni grazie all'introduzione di nuove terapie. Esistono infatti farmaci innovativi che permettono la guarigione in più del 95% dei pazienti; inoltre nuovi farmaci in arrivo presentano percentuali di successo terapeutico sempre più vicine al 100%.

Attualmente però non esiste un vaccino.

L’adozione di misure igieniche volte a evitare il contatto con sangue contaminato è l’unica forma di prevenzione disponibile contro l'epatite C.


L'infezione acuta da HCV (quella conseguente al primo incontro con il virus) è molto spesso di lieve entità e non causa disturbi (sintomi) ma tende a persistere nell'organismo, diventando cronica nel 50-80% delle persone infettate. I sintomi, infatti, possono manifestarsi dopo diversi anni dal contagio a causa dello sviluppo di una malattia epatica cronica o di altre complicazioni in altri organi (manifestazioni extraepatiche dell’epatite C).

Ultimo aggiornamento

03-01-2023 14:01

Non hai trovato quello che cercavi?

Segnala un problema e aiutaci a migliorare il servizio, oppure parla con noi.

Questa pagina ti è stata utile?