Il Dipartimento di Sanità pubblica, è “la struttura organizzativa aziendale cui competono le funzioni di promozione di salute, di prevenzione delle malattie e della disabilità e gli interventi finalizzati al miglioramento della qualità della vita”.

Attraverso la sua struttura organizzativa garantisce l’erogazione dei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza (DPCM del 12 gennaio 2017 - GU Serie Generale n.65 del 18-3-2017 - Suppl. Ordinario n. 15):

  • sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali;
  • tutela della salute e della sicurezza degli ambienti aperti e confinati;
  • sorveglianza, prevenzione e tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • salute animale e igiene urbana veterinaria;
  • sicurezza alimentare - tutela della salute dei consumatori;
  • sorveglianza e prevenzione delle malattie croniche, inclusi la promozione di stili di vita sani ed i programmi organizzati di screening; sorveglianza e prevenzione nutrizionale;

Peculiarità del Dipartimento di Sanità pubblica è la presenza di professionalità diverse (ingegneri, chimici, ecc.) oltre al personale di comparto e sanitario. I professionisti, oltre a garantire le attività connesse alla loro specificità nell’ambito delle rispettive strutture organizzative, assicurano un approccio trasversale e multidisciplinare ai problemi di salute attraverso la predisposizione di “programmi” interni al Dipartimento, orientati agli obiettivi strategici di sanità pubblica

Il Dipartimento di Sanità pubblica riconosce nell’assistenza sanitaria collettiva in ambienti di vita e lavoro la propria mission. Le leve sulle quali basa le proprie azioni sono rappresentate della promozione della salute, dalla prevenzione delle malattie e degli infortuni connessi ai rischi negli ambienti di vita e di lavoro, dalla sicurezza alimentare, dalla sanità ed il benessere animale.

Per garantire al meglio il proprio mandato, svolge, attraverso i Programmi dipartimentali di Sicurezza alimentare e Sicurezza ambienti di vita e lavoro e le strutture complesse a questi afferenti, una serie di funzioni che comprendono anche la vigilanza e controllo.

Per il Dipartimento di Sanità pubblica la vigilanza rappresenta un compito istituzionale finalizzato alla prevenzione dei rischi per la salute collettiva. Proprio per questo, la vigilanza viene agita in funzione della importanza dei rischi ai quali risulta esposta la collettività e la programmazione degli interventi tiene conto dell’apporto derivante dalla promozione della cultura della prevenzione.

La programmazione delle attività di vigilanza segue un percorso definito che prevede un’analisi del contesto nel quale si esplica l’azione, il rispetto di vincoli normativi comunitari, nazionali e regionali, le indicazioni della committenza locale e la selezione degli ambiti prioritari di intervento nella logica dei rischi connessi e dei relativi danni derivati.

Il Dipartimento nell’espletare la funzione di vigilanza persegue trasparenza di metodi, indipendenza di valutazione, uniformità tecnica e correttezza procedurale anche attraverso l’implementazione di specifiche procedure periodicamente verificate nella loro applicazione e messe a disposizione dei portatori di interesse.

La periodica valutazione dei risultati, da intendersi non solo come restituzione di volumi di attività ma anche e soprattutto come descrizione sintetica della realtà, costituisce un ulteriore impegno del Dipartimento che accanto all’esplicitazione dei criteri e degli indicatori alla base della programmazione delle attività future permette ai portatori di interesse di cogliere il significato concreto della Vigilanza

Approfondimenti

Tariffario delle prestazioni del Dipartimento di Sanità Pubblica

Vigilanza e Controllo -Rendicontazione attività anno 2021

Vigilanza e Controllo - Programmazione attività anno 2022

Piano regionale della prevenzione
Gestione del rischio amianto

Approfondimenti

Unita Organizzativa
Sanità pubblica
Dipartimento di Sanità pubblica

Questa pagina ti è stata utile?